Se mi hai passato la parola, passami anche le ali

Se mi hai passato la parola con un tocco, Con lo stesso tocco la devo scribacchiare. Se no, La perderò alla prossima discesa del milione di scale Che ogni giorno tutti noi dobbiamo scendere in coro, Perché rotolerà via dal mio cuore da bambino Mentre giocherà a ce l’hai con il nostro imbarazzo.   Se... Continue Reading →

Advertisements

Um besser zu sehen

And maybe we should put our glasses aside And see things as they are, not filtered.   But then I ask myself, what for If short-sighted people can’t see Further than their self-surrounding sphere Of foggy atmosphere?   The things to see are still afar! 17.03.2019

Sonetto

Dovrei paragonarti a un giorno di estate? Non sono mica Shakespeare, mia cara! Ho visto il mio volto nello specchio dei tuoi occhi Ed ero molto più giovane dei boccioli di maggio E più impetuoso dei venti troppo forti.   Dovrei scendere almeno un milione di scale e ad ogni gradino ricordare Che ora ci... Continue Reading →

L’effetto della farfalla nello stomaco

Al che lei chiese, Da cosa l'hai capito? I lineamenti di lui cominciarono a modificarsi in un sorriso, era un sorriso intelligente, quasi ironico, Da cosa l'ho capito, Sì, è quello che ti ho chiesto, Lo so, se lo ripeto è perché così faccio anche una pausa di riflessione. Sorrisero. Insomma, lo si capiva da... Continue Reading →

Dulce poezie de singurătate

Dulce poezie scrisă când în noapte fără vreo idee mă zgâiesc la stele! Să nu stea degeaba, degetele mele pe tastat s-au pus lucruri ne’nsemnate.   Merg pe tastatură ca pe un pian. Degete nebune, slabe, de poet Ce au început ca printr-un decret să creeze versuri cu divin elan.   Scriu pe întuneric despre... Continue Reading →

How to Become a Poet

Should you ever need to write a poem, choose to write it in a language that you are not very sure of.   This way, by putting words together in new, unusual combinations, they will think you did it on purpose, praise you as a genius, applaud you and ask you what do you think... Continue Reading →

Buchete de singurătate

Text publicat în revista Tribuna, numerele 369-370 Dar poștașul nu îi adusese pensia, ci factura la curent electric. Deschide-o tu, Petre, spuse doamna Maria, și citește-mi totalul, că eu știi că nu văd bine de-aproape. Optzeci de lei, spuse poștașul ridicându-și chipiul de pe frunte cu un deget, de parcă ar fi vrut să se... Continue Reading →

Caravaccio

Perché intervenire quando non c'era bisogno? Era solo per dire, niente di più, non si volevano aprire discussioni infinite. Il mal di testa ritorna quando non si è capiti, questo bastardo non vede l'ora di attaccarsi al cervello come l'arto molle di un polpo. E poi perché gridare? Certo, se si devono dare lezioni di... Continue Reading →

Powered by WordPress.com.

Up ↑